La Storia e i luoghi di Medjugorje

 

  1830 – Parigi (in Rue du Bac) 
  1846 – La Salette (Francia) 
  1858 – Lourdes (Francia) 
  1871 – Pontmain (Francia) 
  1876 – Pellevoisin (Francia) 
  1917 – Fatima (Portogallo) 
  1932 – Beauraing/Banneux (Belgio) 
  1947 – Roma (grotta delle Tre Fontane) 
  1953 – La lacrimazione a Siracusa 
  1981 – Medjugorje (Bosnia-Erzegovina) 

   M di Maria
   M di Madre
   M di MIR (Pace)


E' come se la Madre avesse voluto apporre la sua firma sull'Europa, unendo i punti dove sono in corso o ci sono stati fenomeni mariani, in ordine cronologico si ottiene una "M", a Medjugorje si chiude la sua firma, sempre a Medjugorje sulla collina delle apparizioni (Podbrdo) Ha detto ai Veggenti che lascerà un segno indelebile.

 
 

A Medjugorje, che significa tra le montagne, tutto ha inizio sul Krizevac, il monte più alto (520 mt s.l.m), quando il 15 marzo del 1934, a ricordo dei 1900 anni dalla morte di Gesù, i parrocchiani hanno costruito una croce di cemento armato alta 8.5 mt.
Vi hanno inciso le parole:

"A Gesù, Redentore dell'umanità, in segno della nostra fede, del nostro amore e della nostra speranza, ed in memoria del 1900esimo anniversario della passione di Gesù"

All'incrocio delle braccia della croce sono state inserite delle reliquie della vera Croce di Gesù, ricevute per quest'occasione da Roma, costruire la Croce in un paese a prevalenza musulmana, certo non è stata un'impresa da poco...

La Madonna ha poi detto ai veggenti: "Anche la Croce faceva parte del Disegno di Dio quando voi l'avete costruita"

E' soltanto con l'inizio delle apparizioni di Maria si è iniziato a pregare la Via Crucis sul Krizevac.

 



Anche la basilica di Medjugorje ha una storia del tutto particolare e in qualche modo preannuncia quello che poi accadrà in seguito...

Infatti venne ultimata nel 1969 e consacrata a San Giacomo,
era "spropositata" per un villaggio di pochi abitanti dediti perlopiù all'agricoltura e alla pastorizia.


Il frate architetto padre Pio Nuic interpellato per l’eccessiva grandezza dell’edificio rispose profeticamente:

"Verrà il giorno in cui questa chiesa non basterà ad accogliere la gente che vi affluirà dai quattro angoli della terra"

Nel 1989 è stato costruito l'Altare posteriore con 5.000 posti a sedere all'aperto, nel 1998 è stato costruito il "capannone giallo", da poco dedicato a Giovanni Paolo II°, con 800 posti a sedere.
 
 
 

La Collina del Podbrdo dove il 25 giugno 1981 alle 18.00 circa, sono iniziate le apparizioni della Regina della Pace, si chiama oggi Collina delle Apparizioni.
A lato di questo tracciato si erge una grande croce in legno, che segna il posto dove la Vergine ha invitato per la prima volta alla pace attraverso Marija Pavlovic.
 
Singolare l'episodio avvenuto il terzo giorno delle apparizioni (26 giugno 1981) quando a Vicka (una delle veggenti) fu consegnata dell'acqua benedetta da aspergere sulla Madonna per costatare l'effettiva natura divina delle apparizioni e mettersi al riparo da satana;

"Se sei la Madonna rimani con noi, se non lo sei vattene via!." Udito questo la Vergine sorrise e rimase con i ragazzi, alla loro domanda "chi sei", lo sapevano bene chi era, Lei rispose "Io sono la Beata Vergine Maria, Regina della Pace."

Ai piedi della collina, decentrata rispetto all'imboccatura della salita, si trova la Croce Blu, luogo dove spesso la Madonna dava appuntamento ai Veggenti per non farli bloccare dalla polizia comunista, infatti il regime era fortemente contrariato da questi accadimenti, che man mano coinvolgevano sempre più fedeli, e cercava di ostacolarli in tutti i modi possibili.
 
Nonostante ciò le apparizioni continuarono malgrado il regime comunista, che di lì a un decennio precipitò per poi sfociare nel 1996 nella sanguinosa guerra bosniaca.

Singolare anche il caso di molti villaggi limitrofi a Medjugorje, che durante la guerra sono stati rasi al suolo, nella stessa Capljina (cittadina vicinissima a Medjugorje) ancora oggi sono visibili i colpi di mortaio sui palazzi. Un caccia croato con in dotazione una bomba, per racconto stesso del pilota, che fu poi abbattuto e catturato, vide una nube "strana" "insolita" salire dal terreno di Medjugorje che lo fece "desistere" dallo sgancio...  Medjugorje non ricevette un solo proiettile!




Un altro luogo di culto importante è Thialina, un piccolo paesino distante circa 30 Km da Medjugorje, in questa chiesa fu "esiliato" P. Iozo.

Dove, dopo aver scontato il carcere, pretestuoso, dal 17/08/1981 al 17/02 1983, condannato per aver ostacolato il regime comunista ed aver difeso i Veggenti e le Apparizioni, ricevette l'obbligo di restare e di non tornare più a Medjugorje.

Nella chiesa di Thialina trovò una statua della Madonna di rara bellezza, dopo averla ripulita e restaurata, gli si trasfigurò diventando di carne e piangendo gli disse:

"I Miei pastori non benedicono più il Mio popolo".

La Madonna di Medjugorje è conosciuta con questa effige perchè al richiamo della madre P. Iozo fece delle foto e le inviò in tutto il mondo.


Oggi Medjugorje è uno tra i più importanti luoghi di pellegrinaggio al mondo, basti pensare che da fonti ufficiali le sole Sante Comunioni  impartite nel mese di maggio 2012 sono 190.500...
...ma tutto questo a Medjugorje è "normale" a partire dal fatto che una statua di bronzo alta 5m (Cristo Risorto) lacrimi!
Le opere si vedono dai frutti.
 
a cura di F.L.

 

 

mercoledì 28 giugno 2017  
 
Messaggi della Madonna

Messaggio del 25 maggio 2016

Cari figli! La mia presenza è un dono di Dio per tutti voi ed un'esortazione alla conversione. Satana è forte e desidera mettere nei vostri cuori e nei vostri pensieri disordine ed inquietudine. Perciò, voi figlioli pregate affinché lo Spirito Santo vi guidi sulla via retta della gioia e della pace. Io sono con voi ed intercedo presso mio Figlio per voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata

Messaggio a Mirjana del 2 Aprile 2015

“Cari figli ho scelto voi, apostoli miei, perché tutti portate dentro di voi qualcosa di bello. Voi potete aiutarmi affinché l’amore per cui mio Figlio è morto, ma poi anche risorto, vinca nuovamente. Perciò vi invito, apostoli miei, a cercare di vedere in ogni creatura di Dio, in tutti i miei figli, qualcosa di buono e a cercare di comprenderli. Figli miei, tutti voi siete fratelli e sorelle per mezzo del medesimo Spirito Santo. Voi, ricolmi d’amore verso mio Figlio, potete raccontare a tutti coloro che non hanno conosciuto questo amore ciò che voi conoscete. Voi avete conosciuto l’amore di mio Figlio, avete compreso la sua risurrezione, voi volgete con gioia gli occhi verso di lui. Il mio desiderio materno è che tutti i miei figli siano uniti nell’amore verso Gesù. Perciò vi invito, apostoli miei, a vivere con gioia l’Eucaristia perché, nell’Eucaristia, mio Figlio si dona a voi sempre di nuovo e, col suo esempio, vi mostra l’amore e il sacrificio verso il prossimo. Vi ringrazio”.

Ecco il testo del messaggio del 18 marzo 2015 alla veggente Mirja

Cari figli! Vi prego con tutto il mio cuore, vi prego purificate i vostri cuori dal peccato e rivolgeteli in alto verso Dio e verso la vita eterna. Vi prego vegliate e siate aperti alla verità. Non permettete che tutte le cose di questa terra vi allontanino dalla conoscenza della vera soddisfazione che si trova nell’unione con il mio Figlio. Io vi guido sul cammino della vera sapienza perché soltanto con la vera sapienza potete conoscere la vera pace ed il vero bene. Non perdete il tempo chiedendo i segni al Padre Celeste perché il segno più grande ve l’ha già dato, ed è il mio Figlio. Perciò, figli miei, pregate affinché lo Spirito Santo possa introdurvi nella verità, aiutarvi a conoscerla e perché attraverso questa conoscenza della verità, possiate essere una cosa sola con il Padre Celeste e con il mio Figlio. Questa è la conoscenza che dona la felicità sulla terra ed apre la porta della vita eterna e dell’amore immenso. Vi ringrazio.
Messaggio per Te >>
Stampa Ultimi 3 >>
Tutti i Messaggi >>
 
 
   Aggiungi ai preferiti
 
   Fai conoscere il sito
 
   NewsLetter
 
   Feed RSS